COLORE E FORMA

ART JOURNEY, UN PROGETTO DI COPERNICO 

ISORROPIA HOMEGALLERY

presentano

COLORE E FORMA

di PIERO FIGURA


dal 22 settembre al 20 novembre 2020

Copernico Clubhouse Brera

Foro Buonaparte 22 Milano

Open Day 22 settembre 2020 dalle 16, alle 20

Ingresso solo su registrazione: art@coperni.co


Nel XIX° secolo, in Gran Bretagna, operai industriali provocarono una significativa repressione. Danneggiando duramente le macchine di produzione e fermando volontariamente la riproducibilità tecnica, gli operai evolsero il loro stato da lavoratore subordinato a libero individuo. Questo atto ”performativo” sintetizza l’evoluzione di artisti e designer che hanno trasformato le loro opere in fondamenti di produzione industriale nell’epoca capitale, coese alla creatività autonoma del singolo. La pratica artistica, appropriandosi delle tecniche industriali, si trasformò, sempre di più, in un ibrido producendo artisti-designer e designer che diventano artisti. All’inizio del ‘900 con l’affermarsi della produzione meccanizzata iniziarono i primi esperimenti d’ibridazione. Marcel Duchamp con i suoi ready made trasformò oggetti di uso comune in oggetti di contemplazione eliminando la loro funzione di prodotti seriali a opere d’arte. Nel 1935 Fausto Melotti si avvicina al prototipo industriale, Lucio Fontana nel 1946 attraverso il suo Manifiesto Blanco propone un’arte innovativa a più dimensioni che include lo spazio e il tempo; Fontana collabora con Osvaldo Borsani, evento che aiuta a divulgare la progettazione applicata all’industria. In questi anni spicca, inoltre, il designer Marcello Nizzoli che da un passato legato alla pittura realizza dei prodotti industriali innovativi. Anche le avanguardie futuriste contribuirono notevolmente alla procreazione del design, basta pensare al profondo legame tra architettura e pittura di Klee, Mondrian, Kandinskij e molti altri. Questa collaborazione tra arte e architettura non è sempre stata compresa: designer e l’artista sono di per sé due figure agli antipodi. L’artista dal canto suo realizza dei lavori unici con funzioni spesso politiche, mistiche e che non hanno la finalità di essere apprezzate dalla massa. Al contrario, il designer lavora per la massa, si basa sulla funzionalità e l’estetica. Munari affermò che il design non dovrebbe avere uno stile personale ma inventarne di differenti a seconda di quello che intende comunicare. A differenza dell’artista, che deve essere riconosciuto tramite il suo stile, gli obiettivi del designer sono capire la qualità del prodotto e trovare un’immagine che comunichi quella qualità. Non c’è dubbio che l’unione di queste due discipline non sia semplice, molti però con le loro produzioni e il loro ingegno hanno saputo eccellere contemporaneamente in entrambe. “L’arte è un’idea che ha trovato la sua perfetta espressione visiva. E il design è il veicolo con cui questa espressione è resa possibile” Paul Rand

Immaginatevi un mondo fantastico dove l’ironia abbraccia il decoro e dove la cultura delle masse si fonde al virtuosismo, questo e molto altro è Piero Figura nato a Brindisi, cittadino Milanese da diversi anni, designer multidisciplinare che ama sorprendere con il suo ”teatro dell’infanzia”, quasi a invitarci ad evadere dalla più banale delle realtà. La designer Rossella Bisazza sostiene che la decorazione coincida con una visione teatrale della scena e che racconti una storia, Figura rappresenta perfettamente questo concetto. Con i suoi manufatti fantastici crea sogni surreali valorizzando l’espressività dei materiali utilizzati. Gioca con maestria con il tessuto, il vetro, il metallo, dalla carta all’oro conquistando molte tra le più illustri agenzie di moda e di design. Figura non imprigiona i suoi lavori nella loro condizione da ”oggetti di design”, preferisce renderli unici, eliminando la produzione in serie. Questo lo rende un designer inconfondibile. Celeberrime sono le sculture in vetro disegnate per Seguso. Durante il corso degli anni non ha dimenticato il suo primo amore, ovvero quello della pittura. Le sue opere pittoriche eliminano una buona parte del decoro per giocare con nuovi elementi. Nella serie Lanzarote si avvicina alla natura, avvolgendo figure che ricordano cactus con drappeggi colorati, quasi a nascondere la loro vera natura e trasportandoci a nuove visioni di lettura. Le opere di Figura esaltano la fantasia irrompendo sulla monotona perfezione delle linee modernistiche del design contemporaneo.

La mostra fa parte di Art Journey il percorso, curato da Giorgia Sarti – fondatrice di diverse Gallerie d’arte tra cui Whitelight Art Gallery – in collaborazione con Copernico che si sviluppa nell’organizzazione di mostre, eventi e iniziative culturali. Un riconoscimento del ruolo dell’arte e della creatività che va oltre le logiche note, verso una collisione tra due differenti linguaggi che genera una nuova dimensione, in cui l’impresa e il mondo del lavoro si arricchiscono di nuovi contenuti e di un moto creativo che porta innovazione e idee avveniristiche. Arte come prezioso valore aggiunto al vivere quotidiano, che permette di approcciare temi trasversali ed eterogenei tra loro, creando un dialogo multidisciplinare a sostegno della crescita delle persone e delle imprese. Copernico amplia così gli orizzonti dell’esperienza lavorativa quotidiana
aprendo i suoi spazi ormai da diversi anni all’arte e alla cultura. Allo stesso tempo, artisti e operatori dell’arte entrano in contatto diretto con il mondo dello smart working, all’interno di un’impresa aggregatrice di altre imprese e acceleratrice di innovazione, dialogando a stretto contatto con un pubblico aperto e in sintonia con i linguaggi propri dell’arte e della creatività.

Copernico è una rete di luoghi di lavoro, uffici flessibili e servizi che favoriscono lo smart working e la crescita professionale e di business di freelance, professionisti, start-up e aziende, grazie alla condivisione di risorse, conoscenza, alla contaminazione di idee e al networking in un ambiente caratterizzato da stile, design ed esperienza unici. Oltre 6.000 professionisti utilizzano quotidianamente gli spazi di Copernico come sede di lavoro e luogo preferenziale per meeting e organizzazione di eventi. www.coperni.co.


Isorropia Homegallery, associazione culturale no profit ha come scopo quello di promuovere e favorire la diffusione e la conoscenza dell’arte nel campo delle arti figurative, espressive e multimediali, perseguendo esclusivamente il fine di utilità sociale, tramite l’ideazione, l’organizzazione e la gestione di progetti culturali, artistici e di sensibilizzazione alla fruizione dell’arte. Oggi le aziende per sopravvivere nel mercato hanno la necessità di creare, di sviluppare e di divulgare la loro identità. L’arte, intesa come rappresentazione e comunicazione, è un mezzo ideale per le aziende per divulgare i propri prodotti o i servizi offerti. Una collezione di arte aziendale, un progetto di arte all’interno degli spazi aziendali e una sponsorizzazione di mostre e di eventi culturali ed artistici permettono alle aziende di ottenere benefici in ambito di brand awareness, di comunicazione, di marketing, di innovazione, di etica aziendale, di formazione dei propri dipendenti, ecc.. Isorropia Homegallery offre l’opportunità alle aziende di interfacciarsi nel mondo dell’arte. www.isorropiahomegallery.com.


Art direction invito web: Giovanni Aponte

Grafica invito web: Lasta Glaring Gleam

Redazione comunicato stampa: Gilda Li Rosi


Informazioni utili

Anteprima stampa 22 settembre 2020
dalle 10.30 alle 14.30 – RSVP
Inaugurazione 22 settembre 2020
dalle 16 alle 20 solo su invito, tramite registrazione
In mostra dal 22 settembre al 20 novembre 2020
Sede : Copernico Clubhouse, Foro Buonaparte 22 Milano
Contatti : art@coperni.co
Orari : solo su appuntamento, previa registrazione

Instagram
copernicowork
#copernicowork
isorropiahomegallery
#isorropiahomegallery

Ufficio stampa Copernico

Francesca Zuffi
+39 349 9086242
francesca.zuffi@coperni.co

Mara Linda Degiovanni
+39 349 6224812
maralinda.degiovanni@ddlstudio.net

Laura Cometa
+39 3271778443
laura.cometa@ddlstudio.net

Marta Menegon
+39 347 5810150
marta.menegon@gmail.com

Share Post :